Il segmento

Ansaldo STS produce le apparecchiature più innovative ed affidabili, quali circuiti di binario, casse di manovra, segnali, sensori per la trasmissione dati terra (treno Eurobalise, relè, rilevatori boccole calde, apparecchiature per passaggi a livelli, registratori eventi, il sistema di interlocking Microlock famoso in tutto il mondo, apparecchiature per il controllo di integrità treno, ecc.).

I prodotti

Segnali

I segnali Ansaldo STS garantiscono prestazioni di livello industriale per i sistemi ferroviari e metropolitani di tutto il mondo. Da sistemi di segnalamento completi lungo i binari a componenti adattabili al tuo sistema esistente, i nostri prodotti offrono una durata superiore e standard senza pari in termini di affidabilità. 

LED

Il design avanzato del segnale a luce colorata LED massimizza la longevità del segnale stesso e riduce i costi di manutenzione. Altri LED hanno un funzionamento analogo a quello delle lampadine incandescenti, con la necessità di integrare nel segnale l'elettFFronica di base, mentre nel segnale a luce colorata LED l'elettronica viene gestita in remoto, per garantire l'efficacia del rilevamento di luci LED guaste. L’esclusiva tecnologia elettronica utilizza una fonte di corrente costante per mantenere l'intensità del LED, mentre il design superiore del riflettore riduce il rischio di segnali fantasma. Tra le numerose caratteristiche del segnale a luce colorata LED di Ansaldo STS, la tecnologia LED prolunga la vita dei segnali lungo i binari ben al di là di quella delle versioni a incandescenza, richiedendo nel contempo meno alimentazione. Altri moduli di segnalamento LED sono studiati per operare come segnali a incandescenza e consentire il funzionamento con i circuiti driver convenzionali per lampadine. 
Il nostro segnale è alimentato invece da una fonte di corrente costante esterna e consente un monitoraggio molto più preciso del funzionamento dell'unità LED. 

Lampadine

Ansaldo STS dispone inoltre di una gamma completa di lampadine incandescenti per le luci dei segnali ferroviari e dei semafori. Ansaldo STS dispone di una gamma completa di lampadine a incandescenza, tra cui lampadine quarzo-iodio, per le luci dei segnali ferroviari e di transito. Si tratta di lampadine realizzate in base a criteri rigidi, che contribuiscono a favorire le massime prestazioni dei sistemi ottici delle unità di segnalamento. È disponibile un vasto assortimento di configurazioni di filamento, attacco e bulbo, per soddisfare i requisiti di gran parte dei segnali.

Casse di Manovra

Ansaldo STS produce deviatoi manuali, pneumatici ed elettrici, che vantano comprovate caratteristiche di solidità e affidabilità. Con l'introduzione nel 2001 del primo controller di circuito per deviatoi basato su microprocessore del settore (Electronic Circuit Controller™), i nostri deviatoi hanno stabilito nuovi livelli di efficienza in termini di funzionamento e manutenzione. Oggi i nostri prodotti, resistenti e affidabili, sono in uso in tutto il mondo.

Casse di Manovra di tipo M

Le casse di Manovra M-3E e M-23E™ di Ansaldo STS raggiungono un nuovo livello di efficienza nel funzionamento dei deviatoi. Dotati del rivoluzionario US&S ECC™ (Electronic Circuit Controller), l'M-3 e l'M-23 sono progettati per ridurre i tempi di installazione, manutenzione e regolazione, oltre a fornire funzioni avanzate di diagnostica per lo stato degli scambi e dei circuiti. Un sistema ausiliario di rilevamento è in grado di monitorare l'ago di scambio e segnala quando quest'ultimo si sposta di almeno 0,32 cm, per avvisare in anticipo del rischio di guasto.  

Casse di Manovra Elettriche

Il deviatoio elettrico YM-2000 di Ansaldo STS è un semplice dispositivo utilizzabile fino a 35 km/h. L'YM-2000 è alimentato con corrente alternata a 110 o 230 V e può completare la sua manovra in 2 secondi. Grazie alle dimensioni compatte, il deviatoio può essere montato tra le traversine in prossimità del binario ed è disponibile in due modelli: uno per mancini e l'altro per destrimani.

Casse di Manovra Manuali

Le casse di manovra manuali T20 (senza segnale di posizione dello scambio) e T21 (con segnale di posizione dello scambio) sono entrambi dotati di una resistente custodia in ghisa, con coperchio chiudibile a chiave e controller di circuito interno per l'indicazione di scambio. L'esclusivo meccanismo a manovella è progettato in modo che sia lo stesso sistema di guida a bloccare lo scambio in una delle due posizioni. Il T20/T21 è disponibile nelle versioni per destrimani o per mancini, ma può essere facilmente invertito sul campo.

Cassa di Manovra T 72 

La cassa di manovra di deviatoio T 72 garantisce il movimento e il blocco degli aghi. Quando il sistema riceve un ordine di movimento dell'ago, il motore elettrico viene messo sotto tensione e attiva un dispositivo moltiplicatore con un limitatore di coppia incorporato, il cui ultimo pignone dispone di un cilindro eccentrico. Quest'ultimo attiva una camma a forcella collegata alla barra degli aghi. Gli aghi vengono sbloccati, quindi spostati e bloccati nella posizione opposta. Il comando dei motori di sinistra e di destra e il controllo di fine movimento sono garantiti mediante un interruttore a contatto controllato da una camma. Il blocco del motore è considerato sufficiente se la velocità del treno non supera i 40 km/h. A velocità superiori, ciascuna lama dev'essere dotata di un bloccaggio a morsetto separato, ad esempio un fermascambio “carter-coussinet”. La cassa di manovra T 72 è approvata dalla SNCF. Riferimenti: queste casse di manovra sono attualmente in uso per la sicurezza del traffico ferroviario in diverse reti mondiali, in particolare in Algeria, Belgio, Francia, Italia, Lussemburgo, Venezuela, Messico, Egitto, Cile, Tunisia e Brasile.

Cassa di Manovra  elettropneumatica 

Il DA-10 coniuga un'azione rapida dei pistoni con livelli di pressione stabili, per funzioni di scambio rapide e dirette.

Circuiti di Binario

Dallo sviluppo del primo circuito di binario a corrente alternata nel 1903, il nostro impegno sul fronte dell’innovazione dei prodotti è rimasta immutato. Oggi i circuiti di binario Ansaldo STS rappresentano lo standard tecnologico a livello mondiale. Indipendentemente dalla configurazione della rete ferroviaria, la nostra linea completa di componenti garantisce affidabilità nella trasmissione dei dati di rilevamento dei treni.
Per le aree con circuiti di binario a giunti elettrici, il sistema AF-800 di rilevamento dei treni a frequenza audio e di segnalamento in cabina lungo i binari utilizza un'onda portante di binario audio ad alta frequenza modulata a un codice a bassa frequenza per il rilevamento dei treni.

Sistema di circuiti di binario FSK digitale serie AF-900™

Consente il rilevamento dei treni e la trasmissione di dati avanzati di controllo dei treni ai veicoli in movimento; la soluzione ideale per gestire traffico di transito di massa pesante con tempi di transito dei veicoli ravvicinati.

Circuito di binario AF 1000

I circuiti di binario AF 1000 W a frequenza audio permettono il costante monitoraggio dell'occupazione dei binari, in modo che lo spostamento dei treni nei sistemi di transito rapido di massa possa essere gestito in totale sicurezza. La caratteristica peculiare di questi circuiti è l'utilizzo per il collegamento al giunto elettrico di soli due conduttori, con due frequenze diverse, uniti nella stessa coppia (una frequenza di trasmissione e una di ricezione oppure entrambe di ricezione). I circuiti di binario AF 1000 W consentono inoltre di centralizzare le apparecchiature elettroniche nelle stazioni, mentre le unità di trasmissione/ricezione vengono installate lungo i binari. In questo modo viene ridotto il costo sia dei materiali, sia degli interventi di manutenzione. I circuiti di binario AF 1000 W a frequenza audio non richiedono giunti d'isolamento meccanici (tranne in corrispondenza degli aghi dello scambio) e possono essere implementati su binari elettrificati (CA/CC) e non. Una delle caratteristiche fondamentali dei circuiti AF 1000 W è che possono disporre di un punto di trasmissione centralizzato e di due punti di ricezione. Questo consente di:

  • gestire il circuito di binario come due circuiti indipendenti utilizzando due relè di binario distinti (una soluzione utile in presenza di passaggi a livello)
  • implementare circuiti di binario lunghi fino a 1.400 metri

Il valore di shunt è garantito per 0,25 Ω indipendentemente da condizioni dei ballast, lunghezza e configurazione del circuito di binario. I circuiti di binario AF 1000 W sono composti da un sistema di trasmissione, da apparecchiature lungo i binari e da un sistema di ricezione.

Sistema di circuiti di binario AFO-IIC

Offre funzioni di rilevamento dei treni nelle aree prive di giunti isolati, ad esempio zone sprovviste di segnalamento o elettrificate a corrente continua.

Unità ricetrasmittente audio di circuito ATT-20

Questo circuito di binario a frequenza audio progettato per 12-20 KHz consente una chiara definizione delle sezioni in corrispondenza di passaggi a livello, circuiti isola, blocco e rilascio degli scambi, nonché il rilevamento generale dei treni.

Connessioni induttive CI per linee a corrente continua

Attualmente le connessioni induttive sono di tipo non a risonanza e senza trasformatore. Vengono impiegate su linee a corrente continua per il trasporto della corrente di ritorno di trazione alle sottostazioni elettriche, attraverso i binari, laddove si utilizzano circuiti di binario a corrente alternata con giunti d'isolamento. Una coppia di connessioni induttive viene sistemata a cavallo dei giunti d'isolamento e collegata ai binari mediante i terminali finali. Le due connessioni induttive sono collegate tra di loro al centro dei rispettivi avvolgimenti. Le correnti alternate che alimentano i due circuiti di binario adiacenti saranno confinate nei rispettivi circuiti di binario, grazie all'impedenza elevata incontrata dalla corrente alternata in prossimità delle connessioni induttive, mentre la corrente continua di ritorno passerà attraverso il collegamento mediano. Ciascun binario trasporterà così metà della corrente di ritorno di trazione. Qualora si verifichi una differenza tra i due binari, si produce uno squilibrio tra le correnti di ritorno che attraversano i due binari e le due metà degli avvolgimenti delle connessioni induttive. Questo squilibrio determina una riduzione del valore di impedenza delle connessioni induttive. Per evitare che lo squilibrio diventi eccessivo, con un conseguente malfunzionamento dei circuiti di binario e, pertanto, dei sistemi di segnalamento, un nucleo d'aria adeguato viene introdotto nel nucleo di ferro delle connessioni induttive. I nuovi modelli 30/120/U e 50/220/U sono versioni standard per le Ferrovie dello Stato italiane, in conformità agli standard I.S. 416.

Sistema di circuiti di binario con codifica E

Questa soluzione potente e conveniente rende le aree dotate di circuiti di binario con codifica a elettrodi compatibili con il sistema di controllo lungo i binari MicroLok® II.

Circuito a frequenza audio HF 01 per brevi tratte di binario

L'HF 01 è progettato per essere utilizzato nelle applicazioni per circuiti di binario brevi e sovrapposti, per rilevare la presenza di treni in tratte di binario limitate e ben definite, quali:

  • circuiti di binario sovrapposti per passaggi a livello
  • circuiti di binario di immobilizzazione per deviatoi

L'HF01 è compatibile con vari tipi di circuiti di binario a corrente alternata, continua o a impulsi, non richiede giunti isolanti meccanici e può essere utilizzato su linee elettrificate (CA e CC) e non. La lunghezza della tratta di binario monitorabile varia da 10 a 60 metri. Nella stessa tratta di binario è possibile implementare più di un circuito di binario utilizzando frequenze differenti. È opportuno impiegare frequenze più elevate laddove è richiesta un'indicazione più precisa dei limiti di occupazione (2 A¸ 10 m).

Circuito di binario a codifica MICROTRAX®

Questo sistema programmabile controlla i circuiti lungo i binari nelle aree non elettrificate. La codifica di binario garantisce l'integrità end-to-end su lunghe distanze e funziona sul cavo ferroviario o di linea.

PULSAT

PULSAT è un sistema di rilevamento dei treni a impulsi codificati ad alta tensione e ad alta potenza. Il principio operativo alla base del sistema è ormai in uso da lungo tempo. In questo caso specifico, si basa in larga misura sul flusso costante di impulsi polarizzati ad alta tensione e ad alta potenza istantanea, emessi da un trasmettitore e rilevati da un ricevitore. È quindi possibile utilizzare circuiti di binario a impulsi di corrente codificata per applicazioni in cui sono richiesti servizi particolarmente complessi, ad esempio insensibilità al rumore, un circuito di binario notevolmente lungo e la risoluzione dei problemi provocati dal contatto difettoso tra ruote e binari con un valore di resistenza particolarmente elevato a causa della ruggine o di altri fattori. PULSAT è particolarmente utile quando, a causa della presenza di sostanze isolanti quali ruggine, tracce di polvere di freni, grasso o altro, il contatto ruota/binario è caratterizzato da valori di resistenza iniziale elevati o nei casi in cui l'alta velocità dei treni determina una riduzione dell'aderenza tra ruota e binario. Le caratteristiche degli impulsi (alta tensione fino a 180 Vp e alta potenza istantanea fino a 2.500) sono tali da garantire che lo strato di isolamento venga perforato, riportando il valore di resistenza del contatto entro i limiti operativi. La frequenza di ripetizione degli impulsi (4 Hz) fa in modo che la corrente prodotta dalla rete del sistema abbia un valore ridotto (100 W al massimo), mentre la durata dei singoli impulsi sul binario fa sì che questi non siano pericolosi per il personale impiegato in loco. Pulsat può monitorare un tratto di circuito di binario che va da 18 metri (in stazione) a 2.000 metri (sulla linea). Il sistema può essere applicato indifferentemente a linee a corrente continua o alternata, dal momento che è sufficientemente immune alla corrente di disturbo generata dalla trazione elettrica con propulsione a chopper o con invertitore multifase. La generazione polarizzata degli impulsi consente il controllo istantaneo e automatico dell'integrità dei giunti di isolamento. La presenza di impulsi a polarità invertita (corto circuito dei giunti) o la rottura della rotaia disattiva la tensione nel relè del binario.
 
Le scatole di trasmissione (alimentazione) e di ricezione installate lungo i binari consentono la sistemazione delle relative unità a distanza dalla sezione monitorata, nella stessa cassetta, insieme ad altre unità dei circuiti di binario e ad altre apparecchiature. Questo allestimento può essere utilizzato a patto che la resistenza dei cavi di collegamento tra ogni singola scatola e il trasmettitore o il ricevitore corrispondente non superi il valore stabilito. La sezione trasversale dei cavi deve essere scelta in base alla loro lunghezza. Il costo del sistema può essere ridotto installando un unico trasmettitore per più circuiti di binario quando questi ultimi sono di lunghezza limitata e lo stato fisico del binario non impedisce un buon contatto tra le ruote e le rotaie. Il sistema PULSAT può essere applicato ai circuiti di binario con un isolamento di rotaia singola, purché la lunghezza del circuito di binario e il valore della corrente di ritorno (con trazione CC o CA) siano entrambi compatibili con le potenziali prestazioni del sistema.

  • Trasmettitore

Consta sostanzialmente di un circuito per la generazione di impulsi collegato a un circuito per la generazione di codice che regola la frequenza di emissione degli impulsi. Mediante un trasformatore step-up, gli impulsi vengono inviati attraverso l'alimentatore al circuito di binario, per essere monitorati.

  • Ricevitore

È composto da un sistema di circuiti di accettazione e di soglia, che verifica costantemente il segnale, in particolare la polarità e il rapporto tra l'ampiezza positiva e quella negativa dell'impulso. Completano il ricevitore un circuito timer di attivazione ritardata e un circuito di amplificazione del segnale per il controllo del relè. Trasmettitore e ricevitore sono alloggiati in scatole plug-in realizzate con plastica di alta qualità. Per il montaggio su pannelli o telai si utilizzano apposite basi, per i collegamenti elettrici connettori plug-in.

  • Scatole di collegamento

Le scatole di ricezione e di alimentazione ospitano il trasformatore per il binario, resistenze per la regolazione dei valori di resistenza dei cavi e dispositivi di arresto di protezione lungo i binari. Le cassette sono in lega di alluminio e rivestite con vernici a prova di agenti atmosferici.

  • Relè di binario

Possono essere usati relè neutri conformi agli standard UIC, AAR, BS e FS, con valori di resistenza della bobina pari o superiori a 350 ohm.

Circuiti di binario a frequenza industriale a singola o doppia rotaia

Garantiscono affidabilità nel rilevamento dei treni. Il design solido e i componenti affidabili trasportano la corrente di ritorno di trazione e di segnalamento di binario su configurazioni a singola o doppia rotaia.

Circuiti di binario a energia solare SOLARTRACK

I circuiti di binario Solartrack sono alimentati con energia elettrica generata da pannelli fotovoltaici. I sistemi di questo tipo sono fondamentali per le linee in cui la posa e la manutenzione dei cavi di alimentazione dei circuiti di binario sono considerate troppo costose. La tecnologia Solartrack è particolarmente adatta ai circuiti di binario delle stazioni o ad altre applicazioni di lunghezza limitata.

Circuito di binario UM 71

Elemento fondamentale della sicurezza ferroviaria, il circuito di binario rileva la presenza o l'assenza di veicoli in una determinata tratta di binario. I circuiti di binario a giunti elettrici evitano la suddivisione meccanica delle rotaie, dal momento che i tradizionali giunti isolanti sono sostituiti da circuiti accordati. La linea di prodotti UM 71 consente di utilizzare circuiti di binario a giunti elettrici nelle condizioni più svariate:

  • binari non elettrificati
  • binari a corrente continua o alternata con il circuito di ritorno della corrente di trazione in entrambi i binari
  • adattamento alla funzione di segnalamento in cabina

In genere, a ciascuna estremità di un circuito di binario UM 71 si trova un giunto elettrico collegato a un trasmettitore o a un ricevitore mediante un'unità di adattamento (Tad). A una delle estremità del circuito di binario o a entrambe possono essere utilizzati anche giunti isolanti, anziché giunti elettrici. Il tratto di binario incluso nel giunto elettrico termina a ciascuna estremità con un'unità di sintonizzazione (BA) o (BU). Ciascuna unità di sintonizzazione è composta da un induttore e da condensatori per ottenere:

  • risonanza parallela con l'induttanza del binario (polo di impedenza) alla frequenza del circuito di binario in questione
  • risonanza in serie alla frequenza del circuito di binario adiacente

Il circuito in serie effettua lo shunt del binario, impedendo così la propagazione del segnale oltre i limiti del circuito di binario. Un induttore per binario con nucleo d'aria collegato (SVa o SVac) al punto centrale del giunto elettrico ottimizza le prestazioni e bilancia la corrente di trazione di ritorno tra le due rotaie. La tecnologia Ansaldo STS aumenta la lunghezza massima dei circuiti di binario UM 71 grazie al miglioramento delle trasmissioni lungo il binario, mediante la connessione di condensatori dai valori appropriati tra le due rotaie e sotterrati nel ballast a intervalli regolari. Dal 1980 i circuiti di binario UM 71 compensati installati dalla SNCF garantiscono eccellenti livelli di affidabilità su migliaia di chilometri di binari. L'intera gamma di circuiti di binario UM 71 è conforme allo standard EN 50121-4. Riferimenti: oltre 30.000 circuiti di binario in servizio in tutto il mondo: Algeria, Australia, Argentina, Belgio, Cina, Francia, Corea, Marocco.

MicroLok® II

Il primo apparato centrale a calcolatore basato su microprocessore "vital" è stato installato nel 1984 nella sezione di blocco di Esplen (Stati Uniti) della Conrail, portando la tecnologia a relè "vital" a un nuovo livello di efficienza. Oggi la nostra tecnologia MicroLok® continua a garantire funzioni di monitoraggio e controllo superiori lungo i binari, grazie a nuovi sistemi e componenti che riducono costi e consumo energetico.

Il sistema di controllo centrale a calcolatore MicroLok® II è un sistema di monitoraggio e controllo multifunzione per le apparecchiature di smistamento ferroviarie e metropolitane lungo i binari. La sua ricca gamma di funzionalità comprende controllo degli smistamenti "vital", applicazioni di sistema di codice "non-vital", rilevamento dei treni, integrità delle rotaie, comunicazioni in codice con i circuiti di binario e altre ancora. Grazie agli strumenti di programmazione di facile utilizzo, la configurazione soddisfa gli specifici requisiti dell'applicazione in questione.
 
Caratteristiche e vantaggi:

  • grazie alla vasta gamma di funzionalità, non sono più necessari relè a logica "vital", che occupano una notevole quantità di spazio
  • il protocollo peer consente comunicazioni simultanee a più unità
  • le funzioni di diagnostica interna continua registrano la cronologia degli eventi, consultabile successivamente

MicroLok® Object Controller (OC) è un dispositivo a microprocessore programmabile e a costi contenuti per il controllo e l'indicazione "vital" e "non-vital" delle apparecchiature lungo i binari. Questo dispositivo I/O remoto indipendente è programmato in modo da soddisfare le specifiche esigenze dell'applicazione in questione. Le sue dimensioni compatte riducono il consumo di energia.
 
Caratteristiche e vantaggi:

  • porta TCP/IP completamente integrata per comunicazioni Ethernet "vital" e "non-vital"
  • il design compatto e resistente è compatibile con le scatole di raccordo lungo i binari e consente di accelerare le operazioni di sostituzione sul campo
  • gli strumenti basati sul web consentono agli utenti di effettuare monitoraggio e risoluzione dei problemi via Internet Explorer
  • i cavi I/O terminano in una spina Wago: non sono più necessari punti terminali intermedi

Passaggi a Livello

La nostra linea completa di prodotti e sistemi per passaggi a livello è all'avanguardia per durabilità, affidabilità e semplicità di manutenzione. Grazie alla sua esperienza, la nostra assistenza tecnica aiuta a progettare e implementare il passaggio a livello migliore per la tua rete su rotaia.

La nostra ricca gamma di apparecchiature comprende un assortimento completo di prodotti elettronici e meccanici, tra cui sbarre, semafori e segnali, cantilever, avvisatori acustici, pali e basi, oltre a costruzioni e custodie già cablate. Tutti i prodotti sono compatibili con circuiti di binario di tipo C standard e con overlay a frequenza audio.

Scatola di comando sbarra Modello 95

La scatola di comando sbarra Modello 95, sviluppata in risposta alla richiesta dei clienti di un meccanismo all'avanguardia, che prendesse in considerazione sia sicurezza sia valore, è divenuta lo standard del settore in termini di semplicità, affidabilità, durabilità e semplicità di manutenzione. Il suo design modulare è caratterizzato da un numero ridotto di componenti mobili, per semplificarne il funzionamento. Le singole parti delle unità sono comodamente accessibili e possono essere sostituite sul campo senza difficoltà. Sono disponibili modelli per passaggi a livello standard, luoghi con marciapiedi pedonali e per il sistema a quattro sbarre Ansaldo STS.

Assistenza tecnica

Grazie alla sua esperienza, il team del nostro servizio tecnico aiuta a progettare e modificare la tua infrastruttura su rotaia, oltre a semplificarne la manutenzione. I servizi includono perizie sul campo, progettazione dei circuiti, approvvigionamento dei materiali, supervisione dell'installazione, collaudo in fabbrica, installazione e test sul campo.

Servizio di ispezione

I servizi di ispezione sul campo contribuiscono a garantire la sicurezza delle apparecchiature di segnalamento e di controllo. Inserisci Union Switch & Signal nei tuoi programmi di ispezione obbligatori.

Apparecchiature ERTMS

Balise

Le Eurobalise® e le LEU sono collegate mediante un apposito cavo. La trasmissione dei dati della balise avviene solo quando quest'ultima è alimentata dal passaggio di un treno. La trasmissione della corrente è resa possibile dall’accoppiamento magnetico tra l'antenna a bordo e il loop interno della balise. L'Eurobalise®, sviluppata da Ansaldo STS, è una balise di Classe A certificata, compatibile con le applicazioni SIL 4. Aree di applicazione: sistemi ERTMS, linee ad alta velocità, sistemi di segnalamento KER (sistemi ATP intermittenti nazionali esistenti: SCMT, KVB, EBICAB, RSDD), radiosegnalamento, transito di massa.

LEU

Le LEU sono concentrate in cassette all'interno degli smistamenti nelle stazioni e lungo la linea. Ogni LEU può comandare un massimo di 4 balise. Ciascuna cassetta di codifica può ospitare fino a 8 LEU. La distanza massima tra le balise è di 5 km. Il collegamento agli smistamenti computerizzati avviene mediante uno stack di protocolli di sicurezza basato su “ Profibus” o tramite una connessione seriale proprietaria HDLC. Il collegamento agli smistamenti a relè è realizzato mediante contatti di relè senza voltaggio. Sono disponibili anche funzioni di diagnostica remota.

BTM (Balise Transmission Module)

Il Balise Transmission Module fornisce energia per telealimentare le balise e per ricevere e decodificare i telegrammi provenienti dalle balise stesse.
 
Il BTM e l'antenna BTM vengono utilizzati per la lettura delle balise sul binario. Possono leggere sia balise ASK, sia eurobalise FSK, riconoscendo automaticamente il tipo di modulazione.
 
Specifiche del BTM
 
I BTM di Ansaldo STS supportano le seguenti tipologie di balise:

  • ASK, telegramma a 32 bit
  • ASK, telegramma a 255 bit
  • FSK, telegramma a 341 bit
  • FSK, telegramma a 1023 bit

Peso: 12 kg 
Dimensioni: 320 x 280 x 249 mm
 
Specifiche tecniche dell'antenna

  • Peso: 10 kg
  • Dimensioni: 490 x 400 x 150 mm
  • Bimodale: legge balise ASK ed eurobalise FSK

RAMS standard e certificazione
 
Conforme a CENELEC EN 50155, 50129, 50128.
Totalmente conforme alle specifiche EUROBALISE

Radio in-fill

Scopo dell'unità radio in-fill è trasmettere il messaggio che corrisponde all'Eurobalise® in anticipo rispetto all'Eurobalise® situata in corrispondenza del segnale. In questo modo, un treno che si sta avvicinando a un segnale di fermata può annullare la frenata appena il segnale dà via libera, senza dover attendere di vedere fisicamente il segnale stesso. Il messaggio in-fill viene trasmesso via radio utilizzando protocolli di sicurezza GSM-R ed Euroradio, come nel secondo livello dell'ERTMS. L'utilizzo della radio consente una copertura costante a distanza illimitata dal segnale.

Apparecchiature End of Train

I sistemi  EOT (End-of-Train) forniscono indicazioni avanzate e funzioni di sicurezza ai membri dell'equipaggio. Progettati per comunicazioni bidirezionali e realizzati per resistere a un utilizzo prolungato in condizioni estreme, i nostri prodotti offrono una vasta gamma di funzioni configurabili.

L'unità SBU (Sense and Brake Unit) EOT Modello 6699-CC è il cardine della telemetria bidirezionale tra la locomotiva e le unità EOT. Progettata per trasmettere dati fondamentali da e verso l'unità di visualizzazione delle comunicazioni montata nella cabina della locomotiva, la SBU è realizzata con materiale composito estremamente resistente alle sollecitazioni fisiche.

L'unità CDU (Communications Display Unit) EOT Modello 6696 è un'unità di dimensioni ridotte per il controllo della locomotiva, che fornisce la logica e i controlli necessari per comunicazioni uni- e bidirezionali con le unità EOT.

L'unità CIU (Communications Interface Unit) EOT Modello 6680 è un'unità plug-in di piccole dimensioni, montata nella locomotiva con funzioni di controllo e monitoraggio, appositamente studiata per i sistemi integrati delle locomotive che richiedono conformità alle linee guida AREMA. La CIU contiene la logica per comunicazioni bidirezionali con qualsiasi dispositivo EOT.

Ripetitore EOT Modello 6680 e 6689: nelle zone in cui le comunicazioni sono disturbate a causa del terreno o per la presenza di ostacoli artificiali, il ripetitore EOT 6680 garantisce le comunicazioni tra il sistema EOT anteriore e posteriore.

Batteria ricaricabile NiCad e NiMH EOT: la batteria all'idruro di metallo di nichel (NiMH) prolunga la vita utile dell'unità EOT Modello 6699-CC, fornendo fino a 9,5 ampere/ora di alimentazione.

Caricabatteria/analizzatore EOT Modello 6635: questo caricabatteria completamente automatico analizza, ripara e ricarica 3 batterie NiMH o NiCD simultaneamente. Il sistema DSP brevettato utilizza algoritmi per il rilevamento del voltaggio negativo, per prolungare la durata della batteria.

Relè

Ansaldo STS offre una linea completa di relè "vital" per il segnalamento ferroviario e metropolitano. I nostri prodotti garantiscono una durata maggiore e gli standard più elevati in termini di affidabilità. I nuovi relè e timer "vital" a stato solido sono facili da installare e intercambiabili con modelli precedenti.

N.S1 Vital Relay

Gli N.S1 sono relè modulari e plug-in, studiati per funzioni di sicurezza non controllate nelle installazioni di segnalamento ferroviario. Il tipo N.S1, normalmente utilizzato nelle unità di segnalamento, è parte integrante delle moderne “apparecchiature N.S1 standardizzate” della SNCF.
 
Le apparecchiature N.S1 possono essere classificate in due categorie:

<ul

  • apparecchiature ”rimovibili”, vale a dire il relè stesso e i relativi accessori, che possono essere collegati alle apparecchiature “fisse”
  • apparecchiature “fisse”, tra cui il rack e gli accessori N.S1 (schede di collegamento plug-in)

Funzionamento
 
Le apparecchiature rimovibili si trovano in un alloggiamento plug-in distinto. La parte mobile del connettore plug-in è composta da una base stampata con il meccanismo e le lame di contatto del relè.
 
Solo l'altezza del componente può variare, a seconda del numero di moduli necessari per ospitare gli elementi.
 
Ciascun componente è dotato di linguette di aggancio e di chiusura e di una serie di spine, garantendo una procedura di sostituzione estremamente intuitiva (è impossibile collegare un elemento che non sia quello giusto).
 
Per i collegamenti elettrici tra le parti fisse e mobili si utilizzano spine plug-in automatiche. Le lame di contatto della parte rimovibile sporgono dalla base in modo da toccare le estremità anteriori di quelle della scheda fissa.
 
La sicurezza di questi relè è garantita da soluzioni tecnologiche semplici ma consolidate, con l'utilizzo di contatti anteriori antisaldatura e della forza di gravità naturale nella torsione di diseccitazione; in questo modo, in caso di problemi al relè viene tolta la tensione.
 
Installazione
 
Essendo modulari, i relè N.S1 sono estremamente facili da installare. Hanno un'unica posizione di montaggio, dal momento che la forza di gravità naturale viene utilizzata come fattore di sicurezza.
 
Possono essere montati su un rack N.S1 (profilo a U) con collegamenti posteriori mediante morsetti Faston di piccole dimensioni e schede di collegamento fisse N.S1 - PFC 12 oppure su supporti per schede di collegamento fisse N.S1 - PFC - AV 24 adattate per il montaggio orizzontale.
 
Tutti i tipi di relè N.S1 sono conformi allo standard NF 70 030.
 
Riferimenti
 
I relè N.S1 di Ansaldo STS sono installati in importanti progetti in tutto il mondo (Algeria, Austria, Belgio, Francia, Gran Bretagna, Sudafrica, Tunisia, Marocco, Thailandia, Portogallo, Spagna, Congo, Messico, Argentina, Cile, Cina, Camerun).

Relè elettromeccanici

I relè elettromeccanici Ansaldo STS vantano comprovate caratteristiche di solidità e affidabilità. Le dita e le molle di contatto hanno una costruzione semplice e sono trattate a caldo, per garantire l'uniformità del materiale e stabilità di contatto. Molti dei relè più importanti sono dotati di funzionalità di verifica che consentono di diseccitare il relè mentre è in funzione.

Relè e timer a stato solido

Ansaldo STS è leader nel settore dello sviluppo di relè a stato solido per sostituire i tradizionali relè e timer elettromeccanici. Le nuove unità completamente elettroniche forniscono lo stesso elevato livello di affidabilità dei celebri relè e timer elettromeccanici delle serie PN-150 e PN-250 e di prodotti analoghi precedenti. La tecnologia a stato solido richiede una manutenzione notevolmente minore ed è molto più facile da tarare. I relè a stato solido offrono funzioni di monitoraggio e diagnostica supplementari, non disponibili nei dispositivi precedenti. Ma, soprattutto, sono progettati come ricambi fisici e meccanici diretti per i loro omologhi precedenti, consentendo la sostituzione quasi immediata di un'unità con un'altra presente nel rack di relè o acquistata.

MicroLok® Object Controller

Progettato in stretta collaborazione con i nostri clienti, MicroLok® Object Controller è l'offerta più recente nella nostra linea di prodotti di controllo a logica "vital" con una lunga storia di successi alle spalle.
 
Object Controller è un efficiente dispositivo di controllo a logica "vital"/"non-vital" con input e output variabili. Questo prodotto offre opzioni di collegamento sia Ethernet sia in serie, oltre a fornire uno stack TCP/IP integrato, che garantisce la compatibilità con comuni prodotti di comunicazione in commercio.
 
Le caratteristiche di utilità, packaging e funzionali di Object Controller lo rendono ideale per una vasta gamma di applicazioni, tra cui:

  • monitoraggio e/o controllo dei deviatoi manuali ed elettrici
  • logica "vital" per segnalamento intermedio
  • monitoraggio remoto dei dispositivi
  • allineamento dei giunti ad angolo retto dei ponti mobili

180 bit Balise

Balise di dimensioni ridotte per codifica a 180 bit. Controllo seriale.
 
Le balise servono per fornire alle apparecchiature ATP di bordo dati raccolti lungo i binari, che possono essere statici, come quelli provenienti da una limitazione di velocità fissa, oppure dinamici, come quelli generati da un segnale lungo i binari. I dati statici vengono memorizzati nella balise, quelli dinamici in un codificatore collegato al sistema di segnalamento e a una balise.
 
La configurazione con balise a 180 bit è utilizzata in combinazione con il sistema di piattaforme ATP L12000.
 
Quando la balise viene utilizzata per dati dinamici, nella memoria viene programmato un messaggio statico preimpostato, solitamente selezionato per generare un'indicazione di errore. Una volta ripristinato il normale funzionamento, il codificatore collegato sostituisce questo messaggio preimpostato con messaggi corretti. Possono essere utilizzati sia il codificatore di tipo 1 sia quello di tipo 2, caratterizzati dagli stessi principi quando comunicano con una balise.
 
Applicazione e funzionamento
 
Le balise vengono attivate dall'energia prodotta dall'antenna ATP di un veicolo di passaggio. Il segnale è utilizzato sia per alimentare la balise sia per sincronizzare il messaggio restituito dalla balise stessa. L'assenza dell'onda portante quando è previsto un bit implica un valore logico pari a "1".
 
L'alimentazione necessaria per il funzionamento viene fornita in toto dal sistema di trasmissione ATP del veicolo di passaggio.
 
In questa modalità di configurazione, i messaggi della balise sono composti da 180 bit di dati e da 75 bit di controllo.
 
La progettazione dei messaggi della balise è realizzata mediante appositi strumenti software. La programmazione delle balise richiede sia hardware esterni sia software dedicati, eseguiti su PC.
 
La balise viene alimentata dal sistema di trasmissione ATP del veicolo di passaggio. Non sono necessarie altre fonti di alimentazione.
 
La balise a 180 bit è stata approvata dall'autorità dei trasporti locali di Stoccolma, Roslagsbanan, e dall'amministrazione ferroviaria norvegese, Jernbaneverket (JBV).
 
Riferimenti
 
Australia, Svezia, Stati Uniti, Finlandia, Norvegia e Malaysia

Pedali elettronici

I pedali elettronici rivestono un ruolo importante nel segnalamento ferroviario. Servono per ottenere informazioni intermittenti sul passaggio di un treno, rilevandone le ruote sul binario. Le loro caratteristiche di semplicità, solidità, facilità di installazione e manutenzione, oltre alla loro resistenza a velocità e condizioni atmosferiche, ne fanno uno strumento redditizio, perfetto per funzioni di sicurezza che richiedano il rilevamento intermittente di treni.
 
Esempi significativi di tali funzioni sono la cancellazione di un itinerario, la chiusura del segnale, il controllo dei passaggi a livello, il conteggio degli assi e l'annullamento dei binari sbagliati. Al fine di adattarsi a tutte le situazioni, la gamma di pedali elettronici si basa sulle seguenti quattro proprietà fondamentali:

  • emissione di un segnale negativo (NEG) al passaggio di una ruota, con la conseguente diseccitazione del relè del pedale
  • emissione di un segnale positivo (POS) al passaggio di una ruota, con la conseguente messa sotto tensione del relè del pedale
  • emissione di un segnale indipendentemente dalla direzione di corsa, nel cui caso il pedale è detto "semplice" (SE)
  • emissione di un segnale in un'unica direzione di corsa, nel cui caso il pedale è detto "orientato" (OR).

Questi dispositivi di rilevamento dei treni vengono utilizzati ai passaggi a livello, per il blocco e l’annullamento di itinerari, per gli scambi delle aree di smaltimento, per i contaassi e per i controlli dei segnali.
 
Vantaggi
 
La peculiarità dei pedali elettronici è che il loro funzionamento è interamente statico. Funzionano in completa sicurezza a velocità superiori a 360 km/h. Totalmente a prova di intemperie, sono particolarmente adatti per zone caratterizzate da forti precipitazioni a carattere nevoso. La manutenzione è ridotta.
 
I pedali elettronici possono fornire due tipi di informazioni:

  • informazioni negative: questa tipologia di rilevatore è usata per indicare il passaggio di un treno in un punto specifico, ad esempio il punto di attivazione di un passaggio a livello
  • informazioni positive: questa tipologia di rilevatore è usata per la cancellazione di itinerari o per l'annullamento dell'attivazione.

Funzionamento
 
Le informazioni intermittenti fornite da uno o da due rilevatori vengono analizzate dall'unità di elaborazione per convalidare i dati e consentire l'esecuzione della funzione richiesta attraverso il relè corrispondente, mediante la disattivazione del relè con i pedali "negativi" o la sua attivazione con i pedali "positivi".
 
Lo stato del relè rimane in sospeso per 5 secondi prima di tornare nella posizione iniziale. Questa modifica può essere indipendente dalla direzione di corsa (pedali semplici) oppure collegata alla stessa (pedali orientati).
 
Rilevamento
 
Il rilevamento viene effettuato da un generatore di frequenze, composto da un oscillatore e da un amplificatore a soglia, che emette un segnale sinusoidale permanente in uscita. L'elemento sensibile che garantisce il rilevamento è una testina magnetica passiva, costituita da un circuito risonante che forma il rilevatore applicato alla rotaia.
 
Riferimenti

I pedali elettronici sono in uso in molte reti mondiali, in particolare in Francia, Belgio, Ungheria, Russia, Polonia, Germania, Italia, Algeria, Australia e Sudafrica.

Rilevatori di Boccole e Ruote Calde

I rilevatori di boccole e ruote calde sono dispositivi situati sul binario e studiati per monitorare le temperature di assi, ruote e freni e per segnalare eventuali surriscaldamenti suscettibili di provocare deragliamenti. Contribuiscono a prevenire gli incidenti e, pertanto, i costi di riparazione associati.
 
I rilevatori di boccole e ruote calde sono sono composti da unità di rilevamento ubicate vicino alle rotaie e da un'unità di elaborazione lungo i binari, che raccoglie i valori misurati dai rilevatori e li trasmette alla sezione di controllo e monitoraggio del traffico.

I rilevatori di boccole e ruote calde sono si basano su un sistema che misura la temperatura mediante radiazioni infrarosse. Il principio di rilevamento consente di valutare il grado di surriscaldamento e di determinare il livello di allerta, oltre a inviare le informazioni all'ufficio di controllo/monitoraggio centrale o locale.
 
Funzionamento
 
La supervisione è definita per zone lungo la linea. Quando un treno entra in una zona di misurazione, viene rilevato da un pedale elettronico situato prima dei rilevatori, che determina la direzione di corsa (attivazione). Il pedale conta il numero di assi da misurare e invia il comando di attivazione al sistema di rilevamento (modalità PRONTO).
 
Un secondo pedale attiva la misurazione della temperatura della boccola, quindi un altro pedale convalida la posizione di una delle due ruote di un asse o del disco del freno per misurare la temperatura mediante il sensore termico delle ruote. Questa misurazione è sincronizzata con il pedale di rilevamento della temperatura della boccola per la misurazione dell'altra ruota.
 
Al termine del conteggio e della misurazione degli assi viene eseguita la taratura automatica e il sistema viene messo in stand-by. I dati vengono quindi inviati all'ufficio centrale attraverso il modulo di elaborazione (punto di misurazione) situato lungo i binari.
 
Vantaggi
 
Grazie al loro design, i rilevatori di boccole e ruote calde sono consentono di effettuare rilevamenti senza contatto. Sono ubicati lungo il binario e comandati mediante microprocessore durante il passaggio di ciascun treno. La temperatura di ogni asse (boccola e ruota) di ciascun carrello dei treni viene rilevata e misurata. La precisione del rilevamento consente di tenere traccia delle temperature.
 
I dati raccolti vengono registrati e immediatamente elaborati dall'unità di misurazione ubicata lungo i binari, per poi essere inviati all'ufficio centrale, dove vengono visualizzati, esaminati e infine archiviati.
 
Il vantaggio particolare di un'unità di rilevamento collegata a un ufficio di controllo centralizzato consiste nella possibilità di effettuare misurazioni remote al passaggio di ogni convoglio.
 
I rilevatori di boccole e ruote calde sono sono conformi agli standard EN60450 ed EN50121-4.
 
Riferimenti

I rilevatori di boccole e ruote calde sono aumentano la sicurezza di passeggeri e merci a bordo dei treni grazie alla maggiore affidabilità e alla maggior precisione di cui godono tutte le reti che fanno uso di queste apparecchiature, tra cui tutte le linee ad alta velocità di Francia, Belgio, Regno Unito e Corea del Sud, oltre alle linee convenzionali delle reti francese, tedesca, austriaca, olandese, italiana, spagnola, svedese, polacca, britannica, del Tunnel della Manica, cinese, egiziana, iraniana e australiana.

Cancelli di controllo degli accessi

I cancelli di controllo degli accessi di Ansaldo STS contribuiscono alla riduzione delle frodi garantendo un controllo più efficiente del traffico passeggeri e migliorando nel contempo semplicità di utilizzo e accessibilità di ferrovie e sistemi di metropolitana urbani.
 
I cancelli ANSALDO STS si basano su un sistema che consente il controllo degli accessi mediante rilevamento ottico, oltre che sui sistemi di lettura magnetica o CSC.
 
Il principio del rilevamento consente di effettuare un filtraggio con un livello di controllo superiore, riducendo così le possibilità di raggiungere i mezzi di trasporto o le aree pubbliche in modo fraudolento. La vasta gamma di cancelli di controllo degli accessi offerta da Ansaldo STS è particolarmente funzionale, in quanto offre un'elevata modularità e una maggiore semplicità di manutenzione.
 
Le funzioni complessive si basano su un sistema di rilevamento a infrarossi (riconoscimento elettronico a cellule) in combinazione con subset elettromeccanici e sono controllate mediante un PLC programmabile, aumentando così il livello di sicurezza e consentendo una migliore gestione dei flussi.
 
Ansaldo STS utilizza i seguenti modelli di cancelli di controllo degli accessi:

  • Modello PMR 450
  • Modello PAC 300
  • Modello SWING 200
  • Modello PEM
  • Modello PAC 300 C

L'intera gamma di cancelli di controllo degli accessi è conforme allo standard NF 70 030.
 
Riferimenti
 
Ansaldo STS garantisce il controllo delle reti ferroviarie e di transito urbane e suburbane in molti Paesi, tra cui:

  • PAC e PMR – OSLO (Norvegia)
  • SWING – RET Rotterdam (Paesi Bassi)
  • PAC – PEL - RER RATP (Francia)
  • PMR – Reti Ile de France RATP (Francia)
  • PMR – Linea Meteor RATP (Francia)
  • PAC – LGV Europa settentrionale (Eurostar)
  • PAC e PMR – Metropolitana di Madrid L10 (Spagna)
  • PAC e PMR – Metropolitana di Madrid METROSUR (Spagna)