Il segmento

Ansaldo STS fornisce una gamma completa di funzionalità a reti ferroviarie di grandi dimensioni, come quelle di India, Francia, Italia e Stati Uniti, oltre a mettere a disposizione sistemi per nuove linee in fase di costruzione in mercati in rapido sviluppo, quali Cina e Australia.
 
In Europa l'azienda riveste un ruolo di primo piano nel programma di passaggio all'ERTMS, il nuovo sistema europeo di gestione del traffico ferroviario, che porterà all'interoperabilità delle diverse reti nazionali.
 
Negli Stati Uniti e in Australia i nostri sistemi avanzati di pianificazione e controllo forniscono soluzioni end-to-end cruciali per soddisfare le esigenze dei settori merci, estrattivo e del trasporto pesante.

I prodotti

Integrazione di Sistemi

Ansaldo STS è in grado di effettuare operazioni di progettazione, realizzazione, collaudo, commissione, ingegneria e integrazione dei sistemi, project management, gestione, manutenzione e finanziamento di intere linee ad alta velocità o dei relativi sottosistemi. Ansaldo STS opera inoltre come ditta appaltatrice principale o partner per sistemi complessivi di trasporto, tra cui interi sistemi ferroviari ad alta velocità come la rete TAV italiana.

Le attività di integrazione dei sistemi includono la fornitura di forza motrice, alimentazione elettrica, SCADA, strade ferrate, telecomunicazioni, sicurezza, biglietterie automatiche, depositi, centri di controllo e manutenzione, segnalamento, veicoli su rotaia e così via.
 
L' eccellenza e le competenze tecnologiche di Ansaldo STS, insieme alla lunga tradizione internazionale nei campi elettromeccanico ed elettronico, consentono di fornire sistemi o sottosistemi su misura rispettando i tempi, i budget e le linee guida indicate dai clienti.

ERTMS

L'ERTMS (European Railway Traffic Management System, sistema europeo di gestione del traffico ferroviario) è un nuovo sistema di segnalamento ferroviario interoperabile, che coniuga le tecnologie ATP e ATC con la possibilità di una maggiore capacità della rete, mediante una gestione più efficiente del traffico.

L'ERTMS consta di due componenti principali:

  • l'ETCS (European Train Control System, sistema europeo di controllo dei treni) permette non solo la trasmissione delle informazioni sulla velocità consentita al conducente, ma anche il costante monitoraggio del rispetto di tali istruzioni da parte del conducente stesso
  • il GSM-R è basato sulla tecnologia GSM standard, ma utilizza varie frequenze specifiche del trasporto ferroviario, oltre a determinate funzioni avanzate. È il sistema radio utilizzato per lo scambio di informazioni vocali e dati tra il binario e il treno

Grazie a una delle sue numerose caratteristiche, l'interoperabilità, un treno dotato di ERTMS può viaggiare senza limitazioni di alcun genere all'interno della rete ERTMS, indipendentemente dal Paese, dalla natura legale del gestore dell'infrastruttura o dell'azienda che fornisce il sistema ERTMS.
 
L'ERTMS presenta enormi vantaggi e un notevole aumento dell'efficienza e delle prestazioni delle ferrovie che Ansaldo STS può offrire, con la garanzia di un'azienda leader mondiale nei componenti e nei sistemi ERTMS per linee principali e ad alta velocità, in Europa e non solo.
 
Principali caratteristiche dell'ERTMS:

  • interoperabilità delle reti ferroviarie, indipendentemente dal Paese, dal gestore della rete o dal fornitore del sistema incremento di sicurezza ed efficienza del traffico ferroviario nazionale e internazionale incremento della capacità e delle prestazioni delle ferrovie con tempi di transito ridotti
  • promozione della concorrenza mediante l'apertura del mercato delle forniture ferroviarie
  • contributo al completamento del Mercato Unico Europeo mediante l'abbattimento delle barriere commerciali. L'ERTMS favorisce la libertà di movimento di persone, beni, servizi e capitali (le cosiddette “4 libertà” su cui si fonda il Mercato Unico Europeo)
  • riduzione dei costi di produzione e gestione, in quanto un sistema comprovato e armonizzato è più facile da installare, da azionare e da gestire in termini di manutenzione

L'ERTMS/ETCS è sviluppato su tre livelli diversi, due dei quali (il primo e il secondo) sono già implementati e in servizio in quasi tutti i Paesi europei e non solo (Ansaldo STS è stato il primo fornitore a introdurre questa tecnologia in mercati altamente competitivi come quello cinese e quello indiano).

SCMT

SCMT è un sistema innovativo per il Controllo della Marcia del Treno armonizzato con il nuovo sistema ERTMS/ETCS (European Rail Traffic Management System) per l'interoperabilità sulla rete ferroviaria europea.

SCMT attua la protezione della marcia del treno garantendo:

  • le condizioni imposte dai segnali,
  • la velocità consentita dalla linea in condizioni normali e di degrado,
  • la velocità massima ammessa dal materiale rotabile,
  • attiva la frenatura di emergenza in caso di superamento dei limiti di controllo.

Il Progetto SCMT risponde agli obiettivi strategici di incremento della sicurezza ed adempimento agli obblighi di legge del Piano di Priorità degli Investimenti.
 
Tale sistema è costituito da un sottosistema di terra e da un sottosistema di bordo strettamente integrati tra loro.
 
Il Progetto comprende:

  • L’attrezzaggio di tutte le linee principali della Rete con il Sistema SCMT di Terra (SST – SottoSistema di Terra);
  • L’attrezzaggio dei treni che circolano sulla Rete con equipaggiamenti di Bordo integrati (SSB- SottoSistema di Bordo) che interagiscono con il Sottosistema di Terra delle linee;
  • La realizzazione degli interventi necessari a rendere omogeneo l’attuale attrezzaggio tecnologico per la ripetizione continua dei segnali a bordo presente sui collegamenti più importanti.


Il SST, attraverso l’utilizzo di apparecchiature installate lungo le linee ferroviarie (transponder chiamate “Boe”) che si attivano al passaggio di un treno, invia informazioni al SSB che, effettuate le conseguenti elaborazioni anche sulla base dei parametri del treno introdotti all’origine della corsa, determina i tetti e le curve di velocità che consentono la protezione della marcia del treno.

TVM

TVM 430 rappresenta la seconda generazione di TVM basata su tecniche informatiche "vital" e sulla codifica a frequenze multiplex sofisticate per la trasmissione binario-treno attraverso le rotaie.

In condizioni commerciali, l'intertempo di passaggio tra i veicoli può essere ridotto a 3 minuti a una velocità di 320 km/h. Questo sistema può essere inserito in un ATC/IXL a configurazione integrata denominato SEI, in grado di ridurre i costi grazie all'utilizzo della stessa piattaforma informatica per l'ATC e per lo smistamento.
 
TVM 300, invece, rappresenta la prima generazione, in uso dal 1981 e basata su tecnica analogica.
 
È estremamente affidabile e competitivo in termini di prezzo per chilometro. La versione di TVM 300 utilizzata nella HSL sud-est in Francia consentiva un intertempo di passaggio tra i treni di 5 minuti. Tale valore è stato ridotto a 3 minuti sulle nuove linee ad alta velocità grazie a TVM 430.
 
Sicurezza
 
I sistemi TVM garantiscono il controllo costante del treno. In caso di eccesso di velocità rispetto al limite consentito, il controllo attiva automaticamente il sistema frenante. Le informazioni provenienti dal binario, la posizione del treno e l'elaborazione dei parametri locali vengono continuamente trasmesse all'apparecchiatura di monitoraggio a bordo della locomotiva. Le diverse generazioni di TVM utilizzano le rotaie come mezzo di trasmissione con una frequenza multiplex sofisticata per la codifica.
 
Scopo di un sistema ATC continuo è consentire la trasmissione al treno in tempo reale di tutte le informazioni necessarie per il suo movimento e verificare che il treno stesso rispetti sempre i parametri di sicurezza che gli vengono assegnati.
 
Disponibilità
 
Ogni mese in Francia vengono percorsi più di 4 milioni di chilometri con TVM 430, garantendo meno di 5 minuti di ritardo ogni 2 milioni di chilometri.

* Anche se originariamente l'acronimo TVM deriva dal francese "Transmission Voie Machine" (trasmissione binario-treno), oggi il concetto comprende sistemi di controllo automatico di tipo "vital".

VPTC

Il VPTC (Vital Positive Train Control) è il primo sistema di controllo dei treni positivo standalone di tipo "vital" del settore per zone dotate o meno di segnalamento. I sistemi integrati di controllo dei treni e di gestione dei binari basati su comunicazioni offrono un nuovo livello di sicurezza ed efficienza, impedendo collisioni tra treni, facendo rispettare i limiti di velocità e garantendo la sicurezza del personale.

Il VPTC dota le reti ferroviarie della configurazione più solida di piattaforme e sottosistemi tecnologici altamente avanzati e consolidati tra quelli attualmente esistenti. Con l'implementazione commerciale già in fase di sviluppo, il nostro VPTC è la soluzione disponibile fin da subito e pronta per il futuro.
 
La configurazione della nostra soluzione VPTC rivela una serie sofisticata di sottosistemi rinomati in tutto il settore per la loro capacità di fornire il livello più elevato di controllo e di automazione avanzata in numerosissime aree geografiche. Ecco perché questa piattaforma completamente integrata e flessibile definisce un nuovo standard di sicurezza per le zone non dotate di segnalamento.
 
Caratteristiche e vantaggi

Con le comunicazioni digitali di tipo "vital" non è più necessario il read-back

L'OSS (Office Safety Server) utilizza una larghezza di banda radio ridotta

Interagisce con i segnali nel controllo del traffico centralizzato, con gli scambi monitorati manualmente e con i sistemi per l'integrità dei binari in scenari di controllo diretto del traffico e con i dispositivi di rilevamento di difetti lungo i binari.

L12000

L'ATP L12000 di Ansaldo STS Svezia è un sistema ATP economicamente accessibile per tutte le tipologie di sistemi ferroviari o di transito, che migliora le prestazioni riducendo i costi. Garantisce la sicurezza senza pregiudicare l'efficienza ed è ideale per apportare innovazioni successive, con la possibilità di effettuare un blocco radio con un aggiornamento futuro, per garantire la continuità delle trasmissioni.

Funzioni dell'ATP L12000:
 
I processori "vital" "2 su 3" o "2 su 2" con architettura I/O a logica discreta dell'L10000 sono stati sostituiti da un'unica configurazione con processori "vital" "2 su 2" in un cluster con processori I/O dedicati e slave "non vital".
Il sistema è modulare può essere configurato sia in termini di hardware sia di software per diverse applicazioni:

  • trasferimento dati intermittente e continuo
  • calcolo delle curve di frenata in base alle caratteristiche dei singoli treni
  • curve di frenata multiple
  • supervisione completa su più blocchi
  • pannello ergonomico per il conducente
  • freno di servizio e di emergenza
  • funzioni speciali (controllo delle porte, ecc.)

Riferimenti per l'ATP L12000: 

  • Trasporto locale di Stoccolma (SL),
  • Svezia LKAB, Svezia
  • Monorotaia di Kuala Lumpur (KLM), Malesia
  • New Jersey Transit (NJT), USA
  • Pilbara Iron Rail Division (PIRD), Australia (previous Hamersley)

ATP L15000

Il sistema L15000 consta di un'architettura ad alte prestazioni adattata alla funzionalità ATP. Strutturato come un modulo aggiuntivo di un sistema ERTMS di bordo, funge da interfaccia tra il sistema ATP nazionale esistente e il sistema ERTMS, semplificando le attività sia sulle linee esistenti, sia sulle nuove linee ERTMS, con una transizione senza soluzione di continuità tra le due tipologie di aree ATP.
 
La piattaforma L15000 rappresenta la fase più recente di una strategia di sviluppo continua, iniziata con la celebre piattaforma ATP L10000 originaria, introdotta alla fine degli anni '70 e ancora in uso sulla maggior parte dei convogli delle reti ferroviarie svedese e norvegese. L'ATP L10000 ha sempre dimostrato flessibilità e adattabilità in numerose applicazioni a livello mondiale (Svezia, Norvegia, Danimarca, Stati Uniti, Australia e Malesia, per citare solo qualche esempio) e garantisce la conversione delle reti ferroviarie scandinave agli standard CENELEC.
 
Ad Ansaldo STS Svezia è stato affidato il compito di sviluppare STM (Specific Transmission Module, moduli di trasmissione specifici) per i Paesi scandinavi: Svezia, Norvegia (ATC2) e Finlandia (JKV). Una volta attivo, l'STM garantirà la completa flessibilità nella gestione dei treni sulle reti in fase di conversione all'ERTMS, rivestendo pertanto un ruolo decisivo nella strategia di migrazione verso il sistema ERTMS dei Paesi scandinavi.
 
L'introduzione dell'L15000 fa compiere un passo avanti alla tecnologia ATP, dal momento che le esperienze dell'L10000 e dell'L12000 vengono combinate in una nuova architettura hardware, particolarmente adatta a interfacciarsi con i sistemi di bordo ERTMS/ETCS (EVC).
 
Più in generale, l'L15000 si basa su un'architettura "vital" in una configurazione "2 su 2". Questa architettura di base può poi essere adattata alle diverse esigenze. Tali adattamenti possono includere un pannello separato per il conducente che, se necessario, si può utilizzare come DMI dedicata. Esiste inoltre la possibilità di scegliere tra un'unità di trasmissione e un'unità "a interfaccia K" dedicata per le specifiche BV/JBV/RHK.
 
Ciò consente il funzionamento integrato con un sistema ERTMS/ETCS progettato per lo stesso standard di interfaccia, eliminando la necessità di due antenne distinte.
 
Riferimenti: STM per Svezia, Norvegia e Finlandia (BV, JBV e RHK).

Trasporti Pesanti e Minerari

Le attività di trasporto pesante e minerari devono affrontare costantemente la sfida di garantire le massime prestazioni in ambienti in continua trasformazione, mentre la richiesta di aumento del trasporto costringe le ferrovie a migliorare l'utilizzo delle infrastrutture, senza pregiudicare la sicurezza.I nostri sistemi avanzati di pianificazione e controllo forniscono soluzioni end-to-end decisive per soddisfare queste esigenze.

Computer-based Interlocking

Ansaldo STS offre in esclusiva la linea più completa di apparati centrali a calcolatore per ferrovie e metropolitane. ACC, SEI e MicroLok® rappresentano la soluzione perfetta per tutte le tipologie di reti, dall'alta velocità alle linee principali, dal traffico merci alle metropolitane.

ACC, SEI e MicroLok® forniscono soluzioni per la gestione del traffico a stazioni di tutte le dimensioni mediante le tecnologie più avanzate. La loro integrazione con i sistemi CTC e ATP è stata testata anche in applicazioni ad alta velocità.
 
Al momento, i sistemi di apparato centrale a calcolatore di Ansaldo STS sono in uso in tutto il mondo, anche per le reti ad alta velocità più complesse (Francia, Italia, Spagna, Regno Unito, Belgio e Cina), per linee convenzionali (Stati Uniti, Italia, Francia, Svezia, India, Cina, Bangladesh, Botswana, Malesia e Australia, solo per citarne alcune), oltre che per metropolitane di tutti e 5 i continenti.